“BRICIOLE”

Come un flash mob di parole…

  1. La poesia pretende di dire con poche parole ciò che richiederebbe volumi interi.
    E con troppe parole ciò che meriterebbe il silenzio…
  2. La situazione del trasporto pubblico a Roma è un vero inferno, ma – paradossalmente – non esiste la linea 666…
  3. “Felce e Mirtillo”, il nuovo succo di frutta che stimola la vista a quanti non vedono più la Sinistra…
  4. Il giorno in cui mi vedrete interessato a ventidue dementi pieni di soldi che corrono in mutande dietro a una palla, vi prego: abbattetemi!…
  5. Non è vero che nella vita di ognuno l’unica certezza è la Morte: ci sono anche i venditori porta a porta della Folletto…
  6. Sono stato punto da una vespa all’interno di un orecchio: in caso di mutazione la Marvel si tenga pronta!
  7. Soffro d’insofferenza: non è paradossale?
  8. I governi sono come i figli adolescenti: chiedono sempre soldi e danno poche soddisfazioni…
  9. Ho imparato a leggere con «Topolino»… Ho imparato a scrivere con «Dylan Dog»…
  10. Educare i/le ragazzi/e non è difficile. Educare gli educatori è impossibile!
  11. Non è poi così difficile mostrare la realtà. Quello che trovo complicato è mostrare la “mia” realtà…
  12. Il buffet è la cartina di tornasole che prova l’uguaglianza tra gli uomini: di fronte ad esso nobili e plebei, allo stesso modo, perdono il lume della ragione…
  13. Un semplice test per la misura dell’intelligenza: non credere a tutto quello che si legge in internet indica un livello più che buono…
  14. In certi momenti mi ritrovo quasi felice di esistere. La cosa è preoccupante perché non ce n’è ragione…
  15. Le ore del giorno sono fatte per leggere. Quelle della notte per scrivere…
  16. Giuro che la prossima volta scriverò un libro completamente originale, impegnato e serio.
    Così… tanto per ridere!…
  17. Il paradosso dei paradossi: soffrire come un cane per la morte di un gatto…
  18. Il philadelphia, ormai, ha intrapreso lo stesso triste cammino della nutella e della rucola: lo ficcano dappertutto. Che palle!
  19. Anca e ancia: due problemi assonanti per gli (anziani) aspiranti sassofonisti…
  20. Camicia hawaiana, pantaloni “a pinocchietto”, calzini corti – rigorosamente bianchi – e sandali: quando il look estivo si fa devastazione…
  21. In questo periodo ho il cervello da qualche parte… ma non ricordo più dove…
  22. Torno dalla montagna. Rimiro gli abeti rigogliosi dell’aiuola condominiale. Non è la stessa cosa. Magone!
  23. Io penso a una cosa, lei la dice. Lei pensa una cosa, io la dico. O esiste la telepatia o esistono le affinità elettive…
  24. Adoro i racconti perché, quando leggi un libro la sera per addormentarti, non hai bisogno di mettere in standby il cervello più e più volte, come si fa con un romanzo…
  25. Il mondo è stato fatto tondo perché nessuno potesse trovarci spigoli con i quali ferire od uccidere altri. Ma qualcosa non ha funzionato…
  26. Normalmente, alla mia età, i maschi comprano una Harley-Davidson o una Guzzi. Io mi sono accontentato di un sax e una chitarra: non ci vado lontano, ci vado nell’Infinito…
  27. Condividere i ricordi è sublime… Donarli è diabolico…
  28. Certe volte è necessario approfittare di una lucida oscurità per comprendere quale sia la direzione da seguire…
  29. La Cattiveria è un’Arte: deve essere gestita con Delicatezza…
  30. Considerando il foglio bianco come un delitto, confesso che da troppo tempo mi sento un assassino…
  31. Sarò vecchio e sorpassato, ma non riesco a capacitarmi di come in una democrazia nata dal sangue della Resistenza così tanta gente anteponga internet a Giustizia e Sanità…
  32. “Io e il mio dentista abbiamo una cosa in comune: usiamo lo stesso spazzolino”. Quindi siete due zozzoni!
  33. Certe volte i copywiriter delle agenzie pubblicitarie perdono delle ottime occasioni per tacere!…
  34. Per uno scrittore le parole sono fiori di cactus: sbocciano quando meno te lo aspetti e durano il tempo di un pensiero…
  35. Se ho capito bene, chiunque ammazzi qualcun altro (per esempio: strozziamo la suocera!), diventa un “soldato” dell’ISIS. Va bene perdere su tutti i fronti militari, ma almeno difendete l’ultimo neurone!…
  36. EVVIVA! Donald Trump ha promesso di ridare l’America agli Americani…
    L’unico problema sarà trovare una sistemazione per i clandestini, in continuo aumento dal 1492…
    L’Europa, probabilmente, studierà un piano di quote obbligatorie per gli Stati Membri, escludendo i discendenti da famiglie inglesi, che saranno distribuiti tra Buckingham Palace ed il n° 10 di Downing Street.
    Un po’ stretti, ma sempre meglio di un gommone!…
  37. Cercando di mantenere in un pur precario equilibrio la propria tranquillità – a volte – è necessario sapersi tarpare le ali…
  38. Moglie ed amici mi hanno rimproverato: te la prendi troppo! Giusto!
    Da oggi me ne frego di tutta l’immondizia che mi circonda da sessant’anni ed accendo un cero per propiziarmi – almeno – una pensione: come cantava l’Ornella nazionale, “proviamo anche con Dio, non si sa mai”…
  39. Testimoniare serietà non è un lavoro difficile: per realizzarlo basta non prendersi sul serio!…
  40. Quando uno stronzo ammette di essere stronzo, forse non è poi così stronzo!…
  41. La linea 705 dell’ATAC di Roma non è un autobus. Piuttosto una religione. Bisogna crederci senza vederlo…
  42. Donald Trump padrone della Terra. Finalmente ho capito perché da tempo si cerca di rendere abitabile Marte…
  43. Uno dei momenti critici del maschio illuminato è la stesa dei panni.
    Oggi, nel tentativo di rimandare il triste rituale, ho pensato tanto… tanto…
    Sicuramente la Filosofia è nata così!!!
  44. Per scrivere una commedia bisogna vivere una tragedia!
  45. Passi che la Fortuna sia cieca e perfino che la Sfiga ci veda benissimo.
    Ma perché non augurarci che la Sfiga si prenda – almeno – un orzaiolo?
  46. I problemi vanno risolti, o almeno affrontati. Mai aggirati!
    Consegnare il foglio in bianco è la debolezza dell’ignavia, della stupidità e dell’ignoranza.
    A scuola, nella vita, nella società civile…
  47. Quello che non sopporto della democrazia è la possibilità che concede agli antidemocratici di prendere il potere…
  48. La rottura di zebedei è l’anima del commercio. Qualche intrepido la definisce “pubblicità”…
  49. Il massimo della libidine è litigare con uno dei lecchini del Capo sapendo che anche lui viene trattato come uno zerbino…
  50. Anch’io ho dei problemi con gli Euro… NON CE L’HO!!!
  51. Solo un ngordo come me poteva arrivare addirittura a mangiare una i…
  52. Bisognerebbe far capire al MIUR che quando una bambina vomita poltiglia verde gli esorcismi non servono: bisogna sostituire il servizio catering della scuola…
  53. Certamente non frequenterò il corso di aggiornamento sull’esorcismo: sono più interessato a quello sulle tecniche di impalettamento dei vampiri…
  54. È sempre buona norma evitare di rendersi ridicoli prendendo troppo sul serio le cose serie…
Condividi o stampa: